Navigation Menu
Fabulous Las Vegas

Fabulous Las Vegas

FABULOUS LAS VEGAS: One in a Million

Las Vegas appare improvvisamente dopo lunghi tratti di attraversamento del deserto del Nevada lungo i quali non si incontra anima viva. La città si materializza come per incanto in un avvallamento centrale subito dopo aver passato un dosso e sembra un vero e proprio miraggio.

Utat - Las Vegas

Occupata dal popolo dei Puebloan già nel 1150, questa parte del Nevada è particolarmente impervia e rappresenta il confine fra tre deserti, ma è “benedetta” dalle acque artesiane sotterranee.

Il primo insediamento fu creato dai Pionieri Mormoni nel 1855.  Per parlare di un vero e proprio insediamento, bisogna però aspettare il 1905 e la costruzione della diga Hoover Dam sul Colorado, a 45 km dalla città, e la successiva legalizzazione del gioco d’azzardo che precedette l’esplosione dei Casinò, negli anni ’40 e ’50.

Ci sono personaggi che hanno contribuito all’evoluzione di Las Vegas: la prima indubbiamente fu Helen Stewart che vendette il suo ranch alla ferrovia nel 1905, permettendo la prima creazione della cittadina.

Utat-Helen-Stewart

Il secondo fu il miliardario Howard Hughes che arrivò a Las Vegas nel 1966, prese dimora in una suite di lusso del Desert Inn Hotel e, quando mesi dopo gli fu gentilmente chiesto di andarsene, decise di comprare tutto lo stabile per 13,2 milioni di dollari.

utat-howard-huges

Il Desert Inn divenne il suo quartier generale e da lì negli anni successivi spese oltre 300 milioni di dollari acquistando varie proprietà alberghiere ed immobiliari, e ripulendo la città da quella fama torbida ed equivoca che sino ad allora aveva costituito la sua croce… e la sua delizia.

Negli anni sessanta furono aperti alberghi indirizzati alle famiglie come il Circus Circus, il Resort MGM e, successivamente, l’Excalibur.

utat-las-vegas-1960

E’ solo dagli anni ’90 che lo Strip, la via principale intorno a cui si sviluppa Las Vegas, ha preso le sembianze scintillanti di oggi con la costruzione di alberghi spettacolari come il Bellagio, il Venetian, l’Aladdin e il Luxor…per menzionare solo alcuni.

 

Utat Las Vegas Strip

Oggi Las Vegas è la città americana caratterizzata dallo sviluppo più rapido: ogni settimana vi si trasferiscono più di 1000 persone e le produzioni artistiche più grandiose non possono fare a meno di approdare qui, certi che il “popolo di Las Vegas” saprà ben apprezzare, così come apprezzavano Frank Sinatra o Dean Martin negli anni ’50 al Sands Hotel.

Utat-Spettcolo-Celine-Dion

Cosa si fa a Las Vegas?
Si passeggia lungo lo Strip entrando ed uscendo dai vari Hotels che vanno visitati come fossero delle vere e proprie attrazioni (non fatevi problemi ad entrare e uscire liberamente!!)
Ecco alcuni must-see: il Mandalay Bay’s con palme e bambù paradiso tropicale dell’800, il New York New York con tanto di copia della Statua della Libertà, il Luxor con la replica del sarcofago di Tutankhamon e la piramide di bronzo di 30 piani, il Bellagio con le famose fontane danzanti, il Tropicana con i soffitti in vetro e gli immensi lampadari in cristallo, l’MGM con la statua del leone alta 15 metri simbolo della casa di produzione cinematografica, l’Aladdin Hotel dove Elvis sposò la sua Priscilla, il Flamingo Hilton molto amato dal gangster Bugsy Seigel, il Venetian con canali e gondole… e come non menzionare il Caesar Palace, costruito nel 1966 a tema impero romano con statue che decorano il suo atrio.

Bellagio

Bellagio

New York New York

New York New York

Luxor

Luxor

MGM

MGM

Per vedere il tutto dall’alto salite all’Osservatorio della Stratosphere Tower, che con i suoi 350 metri di altezza permette di vedere fino alle montagne oltre il deserto.

Utat-Stratosphere-Tower

Las Vegas è anche terra di outlet malls molto amati dagli italiani e non mancano le opportunità (in città o appena fuori) di fare dell’ottimo shopping a prezzi davvero strabilianti.

Un’altra cosa da non perdere: magiare ad uno dei numerosi dinner buffet!

Tutti gli Hotels allineati lungo lo Strip offrono buffet spettacolari e, talmente sontuosi e ricchi nella scelta e nella quantità, da essere considerati davvero unici al mondo!

E’ il modo utilizzato dagli Hotels per attirare potenziali clienti all’interno e sperare che si trattengano a giocare sui tavoli verdi. I banchi di esposizione dei buffet sono spesso lunghi decine di metri e ci sono sale dedicate solo ai dolci o al pesce o al finger food.

Tutte le cucine del mondo sono presenti e le esposizioni scenografiche sono di per sè una gioia per gli occhi.

I prezzi sono assolutamente ragionevoli e i buffet di Las Vegas sono un must per chi la visita!
Ognuno fa la propria scelta in base all’ambientazione che preferisce, il mio preferito è quello del Caesar Palace.

Utat hotel buffet

Vuoi visitare Las Vegas?

Puoi farlo con i tour Costa Ovest Stati Uniti di Utat Viaggi

Sei interessato alla Costa Ovest degli Stati Uniti?
Leggi anche La Monument Valley | Yosemite National Park

 

 

Condividi questo articolo su: